Diario di una sottomessa – Mi chiamo Giulia e sono una vacca

índiceDopo l’intensa settimana da cagna il padrone già stava architettando la mia nuova vita da animale. Mi aveva film porno lasciato più di un giorno per riprendermi, era stato buono. Diedi il più possibile tregua alle mie ginocchia, immaginando che sarei finita presto di nuovo a quattro zampe. Mi sentivo fiera di me e molto fortunata ad avere un padrone così, mi aveva scelto nostante io non sia una bellezza particolare, anzi, sono ordinaria e non molto attraente. I miei unici punti forti sono la giovane età e le porno.it tette grosse, è per questo che il padrone mi ha scelta, amava martoriare le mie tettone. Penso sia sempre per questo motivo che il padrone decise di farmi essere una vacca per tutta la settimana seguente. Me lo comunicò il lunedì pomeriggio, mi disse che sarei stata una vacca per quei giorni, e lui mi avrebbe trattata come tale. Aveva portato di nuovo con sè alcuni oggetti che sarebbero serviti a per la mia trasformazione animalesca. Ritornai spontaneamente a quattro zampe e egli mi ordinò di muggire, così feci. Lui mi schernì compiaciuto, mentre io mi umiliavo sempre di più. Da una delle buste con cui era tornato tirò fuori un collare di cuoio marrone dal quale pendeva un grosso campanaccio. Me lo legò al collo e mi ordinò di muovermi carponi, di modo che il campanaccio suonasse ad ogni mio movimento, unendosi al suono dei miei muggiti. Si sedette per terra di fianco a me e iniziò a maneggiare le mie tette penzolanti, le strizzava e le palpava con foga, i miei capezzoloni si erano fatti turgidissimi all’istante. Iniziò a mungere le mie mammelle, me le tirava forte massacrandomi i capezzoli. Quel trattamento da vacca da latte mi piaceva moltissimo, avevo la fica che sbrodolava letteralmente, mi sentivo videos xxx il clitoride gonfio e eretto, mi sarebbe bastato sfiorarlo per raggiungere l’orgasmo, ma non mi era permesso masturbarmi, nè tantomeno godere, senza il permesso del mio padrone. Avevo le tette paonazze e iniziavano a farmi male ad ogni suo tocco, un mix di dolore, umiliazione, piacere e sottomissione. Il padrone mi ordinò di alzare le zampe anteriori, prese una sedia e appoggiò i miei seni sul sedile. Iniziò a schiaffeggiarmele con prepotenza, sempre nello stesso punto, schiacciandomi i capezzoli con una cattiveria inaudita. Mi lacrimavano gli occhi per il dolore ma la mia fica da vacca esultava di piacere. Ero al limite. Lo guardai interrogativa e lui capì subito che gli stavo chiedendo il permesso per venire. “Non ti azzardare a godere vacca! Prima devi soddisfare il tuo padrone, poi forse potrai essere montata”. Feci una fatica immane ma riuscii a trattenermi, pensando al male che mi avrebbe fatto se avessi disobbedito. Detto questo diede per un attimo tregua alle mie mammelle martoriate e liberò il suo meraviglioso cazzo davanti alla mia bocca. Me la iniziò a scopare con violenza soffocandomi, era lui a dettare il ritmo, mi aveva piazzato le mani sulla nuca e mi spingeva la sua verga durissima giù fino alla gola. “Muovi quella lingua vacca che non sei altro, succhiamelo bene altrimenti me la paghi”, mi urlò. Mi usciva la bava dalla bocca e mi lacrimavano gli occhi ma feci quello che mi aveva ordinato, slinguandolo per bene nonostante i conati di vomito. Poco dopo mi fece appoggiare di nuovo le tette sulla sedia e ci sborrò sopra. Sapevo cosa fare. Mi presi un seno in mano e me lo portai alla bocca e mi leccai via prima da una mammella poi dall’altra tutta la sborra calda del mio padrone. Poi prese due enormi pinze d’acciaio e me le attaccò ai capezzoli, iniziai a muggire di nuovo mentre il padrone continuava a schiaffeggiarmi i seni. Le pinze erano pesantissime, mi deformavano e allungavano i capezzoli in modo osceno, sembravano davvero le mammelle di una vacca. Il padrone si posizionò dietro di me e mi poggiò una mano sulla fessura della fica come di consueto per saggiare la mia eccitazione. “Non mi deludi mai mia piccola vacca, sei sempre pronta a prenderlo, sei fradicia da far schifo” esclamò! E finalmente inserì la sua nerchia nella mia fichetta fremente, e iniziò a sbattermi senza pietà. Io godevo, urlavo di piacere, muggivo e ansimavo, vergognosamente vogliosa di sentirmi il cazzo del padrone sempre più a fondo. A ogni colpo il campanaccio suonava e le mammellone mi sbattevano avanti e indietro e i capezzoli mi facevano malissimo, tirati e allungati da quelle pesanti pinze. Mi sborrò dentro, pago della mia perfetta prestazione da vacca.
Nei giorni seguenti mi fece di tutto, mi fece male e mi fece godere come mai in vita mia. Mi girò della corda alla base di ogni mammella, strizzandomele forte, di modo che stessero innaturalmente erette, mi legò l’estremità delle corde ai polsi, così a ogni passo che facevo a quattro zampe la corda mi strizzava ancora di più le mammelle. Mi agganciò delle pinze ancor più grosse e pesanti ai capezzoli e mi infilò un’enorme verga su per il culo, di modo che al suo ritorno sarebbe stato ben dilatato. Inoltre mi attaccò dei pesetti alle grandi labbra della fica, di modo che mi diventasse slabbrata proprio come quella di una vacca. Mi lasciò così per più di tre ore, mi vietò categoricamente di lasciar cadere il fallo dal mio culo e di provare a toccarmi per godere.
Quando il padrone tornò avevo due mammelle oscene, gonfie e violacee, i capezzoli si erano ingrossati e allungati sotto la pressione delle pinze. Lui era compiaciuto vedendo le mie tettone ridotte in quello stato e la verga ancora piantata nel mio ano. Afferrò le pinze e iniziò a tirarle, i capezzoli erano lunghi in maniera innaturale. Strillai per il dolore e iniziai a piangere, ma il padrone non si fece impietosire e tirò sempre più forte. Anzi, si arrabbiò e iniziò a schiaffeggiarmi le tette, oramai ipersensibili e indolenzite, tirava la corda affinchè mi si strizzassero ancora di più. “Muggisci troia! Lo so che ti piace brutta vacca slabbrata!” urlò feroce lui. Iniziai a muggire e lasciai le lacrime scendere silenziose sul viso. Con uno strattone il padrone mi liberò delle pinze e iniziò a succhiarmi i capezzoli, allattandosi. Sferzate di piacere mi infradiciavano la fica, dalla quale mi penzolavano i pesetti, i capezzoli erano indolenziti e lui continuava a torturarli con la lingua dandomi piacere. Muggivo a più non posso, sempre con l’enorme verga nel culo. Il padrone mi liberò finalmente le tette doloranti dalla corde e me le fecce poggiare su uno scalino. Iniziò a pestarmele con i piedi mentre si tirava una sega, insultandomi in ogni modo e ripetendomi di non piangere e di continuare a muggire. Il dolore era assurdo e le lacrime continuavano a scendere, ma mia fregna fradicia tradiva ben altre emozioni. Dopo questa tortura mi fece rimettere a quattro zampe e mi strappò i pesetti dalle grandi labbra, lasciandole deformate e penzolanti. Mi tolse la verga dal culo e me la piazzò in fica, facendomi godere. Mi esaminò il buco del culo talmente dilatato che neanche dopo aver tolto la verga sembrava restringersi un po’. “Che vacca sfondata!” esclamò lui allargandolo ancora di più con le mani, ci sputò dentro e me lo mise in culo in un sol colpo. Il padrone mi stantuffava il cazzo nel culo, avevo l’enorme verga piantata nella fica e nel frattempo mi mungeva le tette martoriate. Non contai nemmeno gli orgasmi che mi pervasero in quella manciata di minuti. Dopo poco il padrone uscì dal mio buco oramai completamente aperto, mi tolse il fallo dalla fica e mi ordinò di fargli una spagnola decente altrimenti me le avrebbe calpestate ancora. Iniziai a spremermi la mazza del padrone in mezzo alle tette gonfie e arrossate, me le tenevo ai lati e le facevo andare su e giù, segando per bene l’asta, mentre il padrone ogni tanto decideva di tirarmi ancora i capezzoloni, oramai duri e ingrossati a dismisura. Capii che il mio padrone stava per esplodere così aumentai il ritmo, vogliosa di bere ogni goccia del suo seme. “Oggi non sei degna di bere la mia sborra lurida vacca, hai pianto, ti sei lamentata e sai che non devi farlo”, tuonò lui. Mi spinse via e finì di segarsi da solo, schizzando sul pavimento. Io ero rannicchiata a terra e non osavo alzare lo sguardo. “Sei solo una vacca per la monta, tienilo a mente” mi disse il padrone. Mi pisciò addosso, sulle tette e uscì dalla stanza. “Grazie padrone” fui capace di mormorare, pensando con ansia in quale animale mi sarei trasformata la settimana seguente.

Leave a Reply